Supplementary Lexicon of Ancient Greek

Diretto da Franco Montanari Università degli studi di Genova   unige



Guida all’uso

Come sono strutturate le voci di WiP?

  • lemma
  • etimologia
  • etichetta grammaticale
  • traducente nella lingua di chi ha redatto il lemma
  • fonti: cliccando sull’abbreviazione della fonte si ottiene lo scioglimento dell’abbreviazione e le edizioni di riferimento utilizzate
  • eventuali esempi
  • presenza/assenza nei dizionari di riferimento*
  • Note: eventuali altre informazioni aggiuntive e riferimenti bibliografici
  • nome dell’autore del lemma e data di creazione e modifica della voce
*Quali sono i dizionari di riferimento? WiP controlla la presenza dei lemmi in:
  • Francisco R. Adrados, Juan Rodríguez Somolinos, DGE – Diccionario Griego-Español, online ed.
  • Franco Montanari, GE – The Brill Dictionary of Ancient Greek, online ed.
  • Franco Montanari, GE – The Brill Dictionary of Ancient Greek, printed edition, 2015
  • Franco Montanari, GG – Σύγχρονο λεξικό της αρχαίας ελληνικής γλώσσας, 2013
  • Franco Montanari, GI – Vocabolario della lingua greca, II edizione, 2004
  • Franco Montanari, GI – Vocabolario della lingua greca, III edizione, 2013
  • Erich Trapp, LBG – Lexikon zur byzantinischen Gräzität, 1994-
  • Henry Liddell, Robert Scott, Henry Stuart Jones, LSJ – A Greek-English Lexicon, 1996
  • Geoffrey William Hugo Lampe, PGL – A Patristic Greek Lexicon, 1961
  • Friederich Preisigke, WB – Wörterbuch der griechischen Papyrusurkunden, 1925

La spunta indica la presenza del lemma nel dizionario, ma il lemma di WiP potrebbe presentare informazioni diverse o aggiuntive rispetto ai dizionari di riferimento, ad es. significati non registrati e nuove accezioni, fonti più antiche o di diverso ambito, note su aspetti problematici che richiedono una trattazione più ampia rispetto allo spazio di un dizionario a stampa.

Quali ricerche si possono effettuare?

In WiP è possibile effettuare la ricerca base per iniziale e la ricerca avanzata.

Ricerca avanzata: si può eseguire una ricerca sul testo greco o sul testo in caratteri latini (ma non su entrambi contemporaneamente), sia di una parola intera che di parti di essa.

La digitazione del testo greco è assistita: ogni lettera digitata sulla tastiera occidentale in corrispondenza del campo "Greco" sarà automaticamente convertita nel carattere Unicode equivalente dell'alfabeto greco. Per l'inserimento dei segni diacritici (accenti e spiriti) si rimanda alla sezione “Assistenza alla digitazione del greco”.

Puoi scegliere se limitare la ricerca di testo greco ai soli lemmi (se c’è il segno di spunta nella casella "Nei Lemmi") oppure full-text, quindi anche ad es. nell’etimologia e negli esempi (in questo caso occorre togliere la spunta da "Nei Lemmi").

Il campo “Latino” permette la ricerca full text di tutte le parole scritte in caratteri latini e consente la ricerca dei traducenti, tenendo conto che sono nella lingua di chi ha redatto il lemma.

È possibile filtrare per lemmi più recenti o fascia temporale utilizzando i campi “Data Inserimento” o “Data Modifica”.

Vediamo alcuni esempi:
  • campo “Greco”: è possibile ricercare termini connessi con una specifica area semantica, ad esempio per i lemmi relativi ai mestieri digitare πωλέω e togliere la spunta a “Nei Lemmi”
  • campo “Latino”: è possibile effettuare una ricerca per nomi di autori e opere, ad esempio digitando Eudoc. o Oxy.
Come si inserisce un lemma?

Per poter inserire un lemma è necessario registrarsi.
Per registarti, clicca qui (Registrati).
Una volta registrato, effettua il il log in (in basso a destra): nel menù in alto comparirà l’etichetta “Inserisci un lemma”.

Campo Lemma: digitare in caratteri unicode il lemma.
Per i sostantivi, digitare la desinenza del genitivo e l’articolo, per gli aggettivi le uscite.

Campo Traduzione: il campo traduzione è così articolato:
  • etimologia tra [ ]
  • etichette grammaticali, in corsivo (per il corsivo premere pulsante I nell’apposita pulsantiera). Es. agg., sost., avv., verbo
  • traduzione in grassetto (per il grassetto premere pulsante B nell’apposita pulsantiera). La traduzione deve essere sintetica, come ci si aspetta di trovare in un lessico; eventuali discussioni vanno inserite nel campo Note.
  • fonti in ordine cronologico. Le fonti si inseriscono tramite l’apposito bottone

    Una volta premuto il bottone, compare questa maschera:

    La maschera ha l’autocompletamento.
    Una volta selezionato l’autore, si può selezionare l’opera.

    L’elenco di autori e opere è quello di Franco Montanari, GI – Vocabolario della lingua greca.
    La lista della fonti è consultabile qui.
    Se la fonte non è presente, scrivere a , specificando le indicazioni bibliografiche complete delle edizioni di riferimento.

  • eventuali esempi con traduzione.

Se il lemma ha più significati è possibile suddividere la voce utilizzando il segno grafico

Campo Dizionari: inserire la spunta per indicare la presenza/assenza del lemma nei dizionari di riferimento. Si considera presente il lemma registrato dai dizionari anche se non con le stesse informazioni.
Se non è possibile consultare i dizionari di riferimento, non inserire nessuna spunta.
N.B. se il lemma è già presente nei dizionari di riferimento, specificare che l’inserimento in Wip è motivato dall’individuazioni di fonti non registrate nei dizionari o di significati non attestati, inserendo nel campo note una frase sul modello di “oltre alle fonti presenti nei lessici si segnalano altre attestazioni”, oppure “significato non registrato dai lessici”.

Campo Note: è lo spazio per ulteriori informazioni, riferimenti bibliografici, discussione di aspetti problematici.

Campo Autore: il campo è completato in automatico in base all’autore del log in, ma è possibile modificare il dato manualmente.

Una volta completata la voce, premere Salva.
Il lemma verrà sottoposto a revisione dalla Redazione di WiP e sarà visibile nel database solo dopo essere stato validato.

Quali lemmi è opportuno inserire?

  • lemmi non registrati nei dizionari di riferimento;
  • significati non registrati di lemmi già presenti nei dizionari di riferimento;
  • correzione ai lemmi già presenti nei dizionari di riferimento;
  • indicazione di fonti più antiche o di ambito diverso rispetto a quelle presenti nei dizionari di riferimento.
Ogni utente può redigere i lemmi nella propria madrelingua qualora sia una delle lingue adottate nelle comunicazioni scientifiche del settore.
Importante
Se hai bisogno di maggior aiuto,